Il mulino a vento è una struttura costruita per sfruttare l’energia del vento e, attraverso l’utilizzo di pale, per trasformarla in energia meccanica,  utilizzabile per scopi o processi agricoli, artigianali e industriali. Secoli fa, i mulini a vento venivano utilizzati per macinare grano, pompare acqua, o entrambi. La maggior parte di quelli moderni utilizzano turbine per generare elettricità oppure pompe per pompare l’acqua e drenare il terreno o estrarre acqua dal sottosuolo.
Sono sicuramente una delle icone più note dell’ Olanda, ma sono sparsi in tutta Europa. Facciamo un tour tra i giganti che ispirarono Don Chisciotte, oggi trasformati in hotel e musei.
Kinderdijk, Olanda 
Mulini_a-vento_Kinderdijk_olanda Sono 19 i mulini di Kinderdijk, a pochi chilometri da Rotterdam, in Olanda; risalgono al 1740 e, solo d’estate, sono ancora funzionanti: seppur lenti e rumorosi, per la loro importanza storica, economica e sociale l’Unesco li ha dichiarati patrimonio dell’umanità. Simboli incontrastati del Paese, proprio come gli zoccoli e i tulipani, questi maestosi mulini a vento sorgono su due file opposte nei dintorni del borgo di Kinderdijk, tra gli sconfinati prati erbosi della pianura dell’Alblasserwaard, punteggiata da casolari, residenze di campagna, castelli e vigorosi canali d’acqua. E’ bello arrivarci in bicicletta, pedalando dal borgo di Bunnik o da Gouda, centro famoso per i suoi formaggi, magari a maggio quando in tutto il Paese – quest’anno il giorno 14 – si festeggia la giornata nazionale dei mulini. Tra le 19 strutture, 9 a base circolare e 10 a base ottagonale, soltanto una è aperta al pubblico: visitando il mulino Nedrwaardmolen 2, a base circolare, si può capire come vivevano e lavoravano le famiglie dei mugnai olandesi alla fine del Settecento.
Consuegra, Spagna
wm Dodici maestosi mulini a vento, candidi e cilindrici, spuntano sotto il sole di Castiglia-La Mancha, nel cuore della Spagna, tra rocce calcaree erose dal vento e dall’acqua, pianure aride, distese di ulivi e colline color ocra e tabacco. Qui, a sud di Toledo, nei dintorni del borgo di Consuegra, dove la natura è capricciosa e la mano dell’uomo ha costruito castelli, monasteri e strade che invogliano al viaggio, si trovano ancora i tondi e giganteschi mulini, oggi bellissimi da fotografare, che Miguel de Cervantes descrisse nel suo celebre romanzo Don Quijote de la Mancha. In tutta la regione appaiono i mulini a vento, a gruppi e disposti su più file, il cui fascino riporta alle leggendarie gesta dell’hidalgo don Chisciotte che scambiò le alte strutture pietrose per temibili giganti da combattere. Oggi è stato creato un percorso, la ruta de Don Qujote, che ripercorre i luoghi descritti da Cervantes e che si sofferma proprio nei pressi di ognuno dei dodici mulini, disposti sul roccioso colle Calderico e battezzati con nomi estratti dall’immortale opera di Cervantes. Tra queste strutture, quattro dei quali con meccanismi ancora in ottimo stato, spicca il mulino Sancho, risalente al XVI secolo e oggi scenario della locale festa dello zafferano di Consuegra.
Koufonissi, Grecia
156_o_mylosnew1 Sulla minuscola isola greca di Koufonissi, quattro chilometri quadrati di spiagge deserte bagnate da un Egeo incontaminato, si può alloggiare in un vero mulino. La struttura, tonda e compatta, da dieci anni fa parte di un residence, Windmill Villas, che offre tutti i comfort e una vista suggestiva sul mare e su un porticciolo dove l’acqua è trasparente come quella di una piscina. La vista lascia senza fiato e la struttura, che risale al 1830 ed è protetta dal ministero dei Beni Culturali, regala emozionanti e paradisiache vacanze di mare alle Cicladi, a sud di Naxos. L’isola greca è formata da due piccole parti: Kato, deserta e selvaggia, e Ano dove, sulla costa sudoccidentale, si trova l’unico centro abitato, Chora, su una baia riparata dal meltèmi dove attraccano i traghetti provenienti dal Pireo e dalla vicina Naxos. Un vecchio mulino a vento sulla cima della collina, visibile dal traghetto prima di entrare in porto, accoglie turisti e amanti del mare.
Trapani, Italia
trapani Antichi mulini a vento a sei pale, perfettamente restaurati e ancora funzionanti, sorgono nelle saline della Laguna di Trapani, lungo la “via del sale”, nel cuore della riserva naturale dello Stagnone. Si intravedono maestosi lungo il litorale che collega Trapani a Marsala, nella Sicilia occidentale, costruiti nel Cinquecento per macinare il sale o pompare l’acqua di mare da una vasca all’altra. E’ un territorio bellissimo e ricco di storia, di fronte all’isola di Mozia, che regala scorci e panorami suggestivi, punteggiati dai mulini, eretti in cima alle torri dei castelli o sulle alture. Sono stati tutti restaurati e alcuni trasformati in alberghi e musei. Merita una visita attenta il mulino d’Infersa che, assieme ad altre due mulini perfettamente funzionanti, fa parte di un percorso museale e multimediale all’interno delle saline Ettore e Infersa che includono anche il centro visitatori, la bottega del sale, una degustazione gastronomica, la possibilità di alloggiare in un piccolo albergo e passeggiate sull’isola Lunga, solitaria e affascinante, dove ci si immerge in una vasca rigenerante o ci si sdraia sulla crosta di sale. Aperto al pubblico tutto l’anno, il mulino d’Infersa è alto quasi 13 metri e a forma di stella; risale al XVI secolo ed è tra i più grandi di tutta l’area delle saline: gioiello di archeologia industriale, il suo ruolo è da sempre quello di sfruttare la forza del vento per attivare le macine destinate alla lavorazione del sale. Gli ingranaggi in legno – l’uso del ferro è ridotto al minimo per la presenza del sale – determinano la velocità di rotazione delle macine, fino a centocinquanta giri al minuto; nel vano superiore sono visibili ancora le macine per produrre la farina mentre nella parte inferiore si trova il meccanismo rotante.
Zaanse Schans, Olanda
zaanse-schans_1 A Zaanse Schans, piccola comunità nell’area di Zaandam, nell’Olanda settentrionale, c’è una forte concentrazione di mulini a vento – se ne contano più di mille – che sembrano riportare i visitatori indietro nel tempo. Costruiti a partire dal Trecento lungo il fiume Zaans, molti di questi storici mulini e alcune case risalenti al Settecento sono ancora in ottimo stato e rappresentano una forte attrazione turistica, tant’è che alcuni si visitano all’interno dove è possibile avvicinarsi ai meccanismi e alle tavole di legno per scoprire come erano fatti. Il modo migliore per apprezzare la bellezza e maestosità dei mulini è navigare in battello lungo il fiume e passeggiare magari in bicicletta in questo angolo di paradiso. I primi mulini risalgono al 1321 e venivano sfruttati per muovere l’acqua e macinare la farina; poi furono costruiti altri mulini, usati come frantoi per l’olio, per la carta, per il cacao, per la mostarda e persino per il cemento. I mulini della zona vennero costruiti anche per rompere le pietre che servirono per costruire gli attuali palazzi di piazza Dam ad Amsterdam. Nel Novecento i mulini furono sostituiti con i motori a vapore e il loro numero diminuì fino a poche decine; è per questo nel 1925 l’associazione Vereninging De Zaansche Molen decise di conservarne le strutture rimaste per poter mostrare alle nuove generazioni la storia e l’importanza dei mulini a vento nel Paese. Nel 2007, inoltre, è stato costruito un nuovo mulino sullo stampo di quelli storici che ospita all’interno un video sulla storia della realizzazione dei mulini.